3 giugno 2018

Sicilia – Palermo – Ospedale Villa Sofia

nuova aggressione ai danni di un medico

Come racconta il portale Live Sicilia, nella nottata di ieri un dottore di 40 anni dell’ospedale Villa Sofia è stato aggredito dal figlio del paziente: un uomo è giunto al pronto soccorso dopo essere stato investito da un’automobile, e non si sa per quale motivo preciso, il figlio ha afferrato per il collo il medico di turno, colpendolo ripetutamente con dei pugni alla testa. La sala è rimasta bloccata per circa un’ora, complice l’intervento delle forze dell’ordine, mentre padre e figlio (insieme ad altri famigliari presenti), fuggivano dalla struttura ospedaliera. Gli aggressori vivono nel quartiere Zen del capoluogo siciliano, e le forze dell’ordine si sono subito messe al lavoro per cercare di rintracciare i due malviventi.


9 Aprile 2018 – dal “Giornale di Sicilia”

Sicilia – Palermo – Ospedale Villa Sofia

Colpito con un casco a Villa Sofia, nuova aggressione di un medico a Palermo

Il medico di turno nel reparto di chirurgia dell’ospedale, è stato colpito con un casco dal familiare di un paziente che era ricoverato in osservazione. Il parente del malato ha aggredito prima verbalmente il medico poi lo colpito alla schiena con il casco. Il paziente ricoverato era in attesa di essere trasferito in chirurgia. Sul posto è intervenuta la polizia che ha identificato l’aggressore; il medico si riserva di presentare denuncia nei confronti dell’aggressore.


3 maggio 2018 – da “PALERMOTODAY”

Sicilia – Palermo – Ospedale Cervello

Ancora un’aggressione all’ospedale Cervello, picchiato un infermiere

Preso a pugni al pronto soccorso del Cervello. Un infermiere di 48 anni è stato aggredito ieri sera all’interno dell’ospedale di via Trabucco da tre uomini. Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia che hanno ascoltato la vittima che, dopo essersi fatta refertare, ha consegnato al direttore dell’area d’emergenza una relazione sull’accaduto riservandosi la possibilità di presentare anche una denuncia.
Quello di ieri sera è il secondo episodio all’ospedale Cervello negli ultimi dieci giorni, il nono ai danni di medici e personale sanitario in due mesi. A colpire l’infermiere che si stava occupando dell’assegnazione dei codici al triage sarebbero stati i parenti di un giovane arrivato alle 18 con una sospetta crisi asmatica e un notevole stato di agitazione.

TORNA AGGRESSIONI ITALIA